Partito Democratico Circolo Esquilino
Aggiungi il sito ai tuoi preferitiAggiungi pagina ai tuoi preferitiScegli come HomepageStampa questa paginaCondividi questa paginaSalva in PDFInvia questa pagina via mail

Sostieni la politica pulita. sostieni il Circolo Esquilino

I SONETTI DI GLORIA

STO GOVERNO

Me pare loffio e puro inconcrudente.
Penseno solo a tirà a campà,
restà su le portrone , ar Presidente,
senza affrontà le vere gravità.

Più d’un mese de chiacchere su gnente,
Letta me pare un quaquaraquà.
Tentenna, ammicca, è vago. Inconcrudente:
in preda ar pidielle sta a abbozzà.

Le larghe intese ciànno già fregato
Co Monti, la Fornero. E mo ch’avemo
rifatto l’elezzioni er risurtato

è che diciotto mesi aresteremo
in mano a sto ridicolo mercato
cor piddì a lo sbando e a lo stremo.

2013   Gloria Gerecht

 

Tante storie, un'anima

  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow

Ma non si era parlato di soli 12 ministri? PDF Stampa E-mail
Mercoledì 07 Maggio 2008 20:47

Da "Il Giornale" di Sabato 15 Marzo: "«Nel governo del Popolo della libertà ci saranno 12 ministri, e 4 di questi saranno donne», ha sparato solennemente Silvio Berlusconi ieri sera in tivù...".

Invece nasce il quarto Governo Berlusconi, con 21 ministri, e solo 4 di questi sono donne (4 su 21 non è uguale a 4 su 12). I ministri donna con portafoglio sono invece 2 su 12.

Giudicheremo sui fatti il futuro governo, per ora il primo fatto è il mancato rispetto di un impegno preso in campagna elettorale.

Il Governo Berlusconi

 
I RISULTATI IN PRIMO MUNICIPIO: dove la nostra coalizione ha vinto PDF Stampa E-mail
Venerdì 02 Maggio 2008 20:44
Candidato Voti % Lista Voti %
UMBERTO NARDINOCCHI 463 0,77 AVANTI LAZIO 47 0,08
LISTA GRILLI PARLANTI NO EURO 209 0,37
FORZA ROMA 167 0,30
Totale liste Nardinocchi 423 0,75
OLIVIERO GIANNINI 1.778 2,94 AMICI BEPPE GRILLO LISTA CIVICA 1.581 2,81
AUGUSTO
CARATELLI
2.433 4,02 LA DESTRA - FIAMMA TRICOLORE 2.229 3,97
DINO GASPERINI 3.199 5,29 UNIONE DI CENTRO 2.992 5,32
ALESSANDRO CURRO' 490 0,81 ROSA BIANCA PER BACCINI 461 0,82
SILVIA RINALDI 73 0,12 MOVIMENTO NAZIONALE DEL DELFINO 63 0,11
ORLANDO
CORSETTI
30.745 50,80 SINISTRA ARCOBALENO 4.077 7,25
UNDER 30 PER RUTELLI 805 1,43
CIVICA PER RUTELLI 1.821 3,24
PARTITO DEMOCRATICO 18.977 33,76
ITALIA DEI VALORI 1.815 3,23
LISTA BONINO - RADICALI 1.211 2,15
UNIONE DEMOCRATICA CONSUMATORI 88 0,16
Totale liste Corsetti 28.794 51,22
MASSIMO CRISCI 703 1,16 PARTITO SOCIALISTA 640 1,14
LAURA MARSILIO 20.636 34,10 IL POPOLO DELLA LIBERTA' 18.816 33,47
MOVIMENTO PER L'AUTONOMIA 214 0,38
Totale liste Marsilio 19.030 33,85

Nelle municipali del 2006 la lista "Uniti nell'Ulivo" raccolse il 33,63% con 16.603 voti, il candidato di centrosinistra Giuseppe Lobefaro raccolse 33.127 voti (61,78%).

 

 
Zingaretti nuovo presidente della Provincia, ripartiamo a testa alta. PDF Stampa E-mail
Venerdì 02 Maggio 2008 20:39

“Abbiamo avuto un'affermazione omogenea su tutti e 121 comuni: il centrosinistra ha vinto in 80 comuni:  C'e' stata una grande affermazione a Civitavecchia, Guidonia, Nettuno, Tivoli, Velletri e Albano: non piccoli paesi ma tutti sopra i 50 mila abitanti e che rappresentano il futuro della Provincia. Al secondo turno abbiamo preso 32 collegi su 45, di cui 14 a Roma. Positivo il risultato registrato anche nella Capitale.

Alemanno ha ottenuto 783 mila voti, Antoniozzi 700 mila. 80 mila voti del centrodestra non sono andati al candidato alla Provincia e di questi 30 mila voti sono stati intercettati dalla mia candidatura. Su questo dato  penso abbia influito una spinta che c'è stata alla volontà di cambiare. Noi ci sentiamo coscienti che dall'elettorato e' venuto un segnale che vogliamo ascoltare per ripartire a testa alta assumendoci la responsabilità di reinventare una nuova fase riformista per la Provincia e per Roma.

Si riparte insomma dalla Provincia indicando obiettivi ambiziosi e dimostrando che qui c'e' una squadra coerente. Sulla futuro governo della Provincia non voglio anticipare nomi ma tuttavia nei prossimi giorni chiederò alle forze della coalizione  di aiutarmi a svolgere la prerogativa propria del presidente di fare una squadra all'altezza dei compiti, quasi fondativa per reinventare una nuova fase del centrosinistra.  Sarà un "mix" tra il nuovo e la continuità e ci sarà una fortissima presenza di donne”.

 
Lettera ai soci fondatori del Circolo Esquilino PDF Stampa E-mail
Mercoledì 30 Aprile 2008 20:36

Carissimi,
la battuta d'arresto che subisce il processo riformista avviato dal PD nella città di Roma ci deve far riflettere e spronare a ricercare le ragioni dei comportamenti, per poi farci ripartire con energia verso una nuova fase politica che riparta dal basso, dai nostri rioni, e coinvolga il più possibile i cittadini nelle scelte.

Il PD é nato sei mesi fa ereditando una situazione difficile dal punto di vista politico ed elettorale ma, nonostante questo, é stato fatto un grande lavoro. Come ha ricordato lo stesso Veltroni, NON SI PUO' TORNARE INDIETRO!

Molti giovani hanno creduto alla proposta di un vero partito nuovo e non si può sperperare questo patrimonio:occorre ripartire da questa e da altre conquiste costruendo una fitta rete di collaborazione che possa garantire lo sviluppo di una partecipazione tale da coinvolgere anche quello spaccato di società che da noi é rimasto distante.

Bisogna abbattere tutte quelle barriere culturali che ci hanno reso deboli rispetto ad alcune tematiche e,al tempo stesso,occorre evidenziare ciò che nel profondo caratterizza i nostri valori e le nostre proposte.

Tutto ciò é auspicabile soltanto attraverso un lavoro intenso e capillare che abbia come presupposto indispensabile la voglia di continuare a costruire in modo innovativo il futuro che tutti desideriamo.Noi saremo presenti: é fondamentale una mobilitazione nei nostri rioni, nei luoghi di lavoro e laddove é possibile trasmettere la voglia di non arrendersi allo stato attuale delle cose perché ora lasciar spazio allo scoramento sarebbe un errore. Bisogna dar vita alla nostra alternativa in modo tale che essa diventi espressione e diretta testimonianza della nostra differenza dandone prova sul nostro stesso territorio.

Vi comunico che molto presto,subito dopo la festività del 1 maggio, conto di realizzare un'assemblea con i Soci Fondatori cercando di coinvolgere il Presidente del Primo Municipio proprio per attivare un circuito positivo che possa coinvolgere il maggior numero di persone possibili.

Grazie a tutti e a presto!

Lucia Marchi
Coordinatrice del Circolo PD Esquilino

 
Ecco i consiglieri del PD eletti al Primo Municipio PDF Stampa E-mail
Venerdì 25 Aprile 2008 20:34

Ieri al seggio centrale del Primo Municipio sono stati proclamati gli eletti per il consiglio del Municipio Roma centro storico. Per il Partito Democratico i consiglieri saranno (per ordine di preferenze): Cristina Elena De Luca; Irene Scarpati; Laura Pastore; Antonino Palermo; Livia Di Stefano; Marida Monaco; Federico Migliaccio (del Circolo Esquilino); Annalisa Secchi; Alessandra Ferretti; Keti Galati.

Otto donne e due uomini, sarà mica il caso di cominciare a parlare di quote azzurre ;-).

Gli altri candidati del Circolo Esquilino, Roberto Crea e Stefania Di Serio, hanno ottenuto rispettivamente il dodicesimo ed il tredicesimo posto, secondo e terza dei non eletti, con possibilita quindi di entrare in consiglio nel caso vi siano rinunce. Una buona affermazione per tutti e tre i nostri candidati.

 
RUTELLI SINDACO: i risultati già ottenuti. PDF Stampa E-mail
Mercoledì 02 Aprile 2008 20:33

Nei sette anni di governo Rutelli, Roma ha conosciuto sviluppo economico, sviluppo, dinamismo imprenditoriale, miglioramento della qualità produttiva.

A fine 1994 a Roma erano attive 158.415 imprese. Nel secondo semestre 2000 ne erano attive 200.828: un saldo positivo di 42.413 nuove imprese (+26.77%) nate nei sette anni di Giunta Rutelli. Un buon governo che ha dato slancio all'imprenditorialità favorendo la creazione di nuovi posti di lavoro. In nessuna altra grande città italiana sono state create, tra il '90 ed il '99, tante nuove imprese. La capacità di crescita del sistema produttivo romano, dal 1996 ad oggi, è sempre stata almeno doppia rispetto a quella nazionale.

Nel 1994 gli occupati a Roma erano 1.344.000. Nel 1999 erano 1.409.000, con un incremento pari a 65.000 nuovi occupati. Nell'ultimo quinquennio ('94-'99), un trend di crescita occupazionale positivo e costante ha fatto sì che la base occupazionale superasse persino i livelli precedenti la crisi economica del 1993. Il saldo occupazionale 1993-1999 fa registrare infatti un +1,6%.
Dal 1995 al 1999 gli inoccupati a Roma si sono ridotti di 9.000 unità. La disoccupazione è scesa dal 12,8% del 1995 all'11,7% del 1999.

Il tasso di attività generico (rapporto tra la forza lavoro impiegata e la popolazione in età lavorativa) è stato nel 1999 del 49,1%, contro una media nazionale del 47,9%. Roma è 4a in Italia, tra le grandi città, per tasso di attività lavorativa.

Il tasso di occupazione femminile è cresciuto dall'82,9% del 1995 all'84,9% del 1999 Nel periodo Gennaio-Novembre 1998, rispetto allo stesso periodo del 1997, le nuove assunzioni sono aumentate del 48,1% (passando da 59.443 unità nel '97 a 88.023 nel 1998).

Negli anni tra il 1991 e il 1995, Roma è risultata la seconda provincia italiana per contribuzione al Pil nazionale con l'8,1%, preceduta solo da Milano (10,3%) e seguita da Torino (4,8%).

Sono stati creati o ristrutturati 176 chilometri di ferrovie metropolitane. Sono stati realizzati 22 parcheggi di scambio, per 10.000 posti auto, che consentono ai cittadini di lasciare i loro mezzi privati alle porte del centro e di sfruttare navette e mezzi pubblici di raccordo per muoversi più agevolmente nel cuore della città.

La raccolta differenziata, che nel 1993 raggiungeva a stento l'1% e interessava solo il vetro, oggi è 2001 al 9%.

La superficie di verde patrimonio del Comune è aumentata dal 1994 al 2001 del 40%, passando da 3.800 a 5.300 ettari. Roma può vantare 7.800 ettari di verde pubblico complessivo, cui vanno aggiunti altri 613 ettari di verde delle ville storiche, fiore all'occhiello della bellezza, della qualità ambientale e della vivibilità della città eterna.

Nel 1994 chi abitava a Roma in una casa di proprietà del valore di 300 milioni pagava 1.650.000 lire all'anno di Ici. Dopo sette anni di governo Rutelli, per una casa dello stesso valore si pagano 1.470.000 lire: 180.000 lire in meno, con riduzione pari al 12,24%. Fra riduzioni, detrazioni e inflazione, il peso dell'ICI per la prima casa sulle famiglie romane durante il governo Rutelli è sceso del 24%.

Nel 1994 Roma ha fatto registrare 5,1 milioni di visitatori, con 12 milioni di presenze. Nel 1999, i visitatori sono stati 6 milioni e le presenze 14,1 milioni. Nel 2000, il trend è in crescita del 3%. Dal 1994 ad oggi (considerando le presenze per lavoro e per turismo), i turisti a Roma sono cresciuti del 20%.

Il numero di nomadi presenti a Roma è diminuito del 25%, passando dai 6.000 del novembre 1993 ai 4.500 (ottobre 2000).

Dal '93 al '98 i reati contro il patrimonio sono diminuiti del 30% (da 355.416 a 257.354). Quelli contro lo Stato e la Pubblica Amministrazione sono scesi del 18% (da 9.203 a 7.547).

 
UN PO' DI STORIA! Qualcosa che è stato fatto all'Esquilino. PDF Stampa E-mail
Mercoledì 02 Aprile 2008 20:30

Solo con la prima giunta Rutelli è stato definito un piano organico di risanamento del rione Esquilino.

Questo ha comportato in primo luogo il recupero di ampie aree dismesse. Nel quadrilatero Via Mamiani, Via Giolitti, Via Lamarmora, Via Principe Amedeo, in sostituzione delle tre caserme e della centrale del latte abbandonate, sono sorti l'Hotel Radisson, la Facoltà di Lingue Orientali, il nuovo mercato coperto, la nuova centralina dell'ACEA e due grandi parcheggi.

Hanno fatto seguito la riapertura del teatro Ambra Jovinelli, chiuso da anni, il restyling della Stazione Termini con il riordino del piazzale e la realizzazione del centro commerciale, il restauro e la riapertura dell'Acquario Romano e giardino circostante. In breve, una zona che era praticamente impercorribile sia di giorno che di notte, in quanto in mano allo spaccio e alla ricettazione, ha ripreso a vivere.

Lo stesso vale per la zona disseminata di piccoli alberghi e pensioni (Via Giolitti, Via Micca, Via Balilla, Via Grandi, ecc.) che grazie ai fondi per il Giubileo sono stati ristrutturati e trasformati da alberghi a ore in strutture ricettive accoglienti, al momento molto sfruttate dal turismo low cost e scolastico.

Sempre con gli interventi del Giubileo, sono state restaurate le Basiliche del rione, San Giovanni, Santa Maria Maggiore e Santa Croce in Gerusalemme, così come sono state riqualificate e pedonalizzate le relative piazze. E' stata inoltre recuperata da uno stato di profondo degrado l'area di Via Carlo Felice, con la nascita del giardino ed il ripristino dell'adiacente tratto di Mura Aureliane.

Il trasferimento del mercato ha liberato Piazza Vittorio e ridato vita al giardino interno. Prima del 93, anno di inizio I° giunta Rutelli, il giardino era uno spazio abbandonato, ridotto a deposito di materiali di scarto, luogo di spacciatori e senza cancellata.

Nel plesso scolastico dismesso di Via Ariosto è stata aperta una sede della facoltà di ingegneria informatica.

Via Merulana, Largo Leopardi, Largo San Vito, sono stati risistemati e il teatro Brancaccio ha riaperto i battenti.

Gli interventi pubblici hanno incoraggiato interventi privati, attirato nuovi residenti, fatto salire il valore degli immobili. Ciò ha portato all'avvio della ricostruzione dello stabile di Piazza Vittorio angolo Via Conte Verde, che tornerà, dopo decenni, a completare il lato sud della piazza.

E' stata riammodernata la linea tranviaria di Via Napoleone III, Piazza Vittorio, Via Principe Eugenio, Via Porta Maggiore (dove è stata rifatta l'intera pavimentazione a sanpietrini) con tecniche finalizzate alla riduzione delle vibrazioni. I marciapiedi di Via Merulana sono stati rifatti per intero, anche qui prevedendo interventi finalizzati alla riduzione delle vibrazioni.

Parecchi bar, che erano luoghi di spaccio e malaffare (Bar Africa di Via Cairoli, uno dei tanti), hanno cambiato gestione e quindi clientela.

Tutto questo tralasciando gli interventi di ultima realizzazione promossi dalla giunta Veltroni: il rinnovamento della fermata Metro Manzoni, il rifacimento della pavimentazione di Via Conte Verde e Via Santa Croce in Gerusalemme, la ristrutturazione e prossima riapertura del Cinema Apollo, ecc.

Quali interventi ricordate da parte delle giunte che hanno preceduto Rutelli?

 
<< Inizio < Prec. 71 72 73 74 75 76 77 78 79 Succ. > Fine >>

Pagina 79 di 79

 

 


 

 

 

Un cantiere di proposte condivise per
immaginare l'Esquilino del futuro
PARTECIPA ANCHE TU!

 

  • Il Razzismo è un Luogo Comune
  • Il Razzismo è un Luogo Comune
  • Il Razzismo è un Luogo Comune
  • Il Razzismo è un Luogo Comune
  • Il Razzismo è un Luogo Comune
  • Il Razzismo è un Luogo Comune
  • Il Razzismo è un Luogo Comune
  • Il Razzismo è un Luogo Comune
  • Il Razzismo è un Luogo Comune
  • Il Razzismo è un Luogo Comune
  • Il Razzismo è un Luogo Comune
  • Il Razzismo è un Luogo Comune
  • Il Razzismo è un Luogo Comune
  • Il Razzismo è un Luogo Comune
  • Il Razzismo è un Luogo Comune
  • Il Razzismo è un Luogo Comune
  • Il Razzismo è un Luogo Comune
  • Il Razzismo è un Luogo Comune
  • Il Razzismo è un Luogo Comune
  • Il Razzismo è un Luogo Comune
  • Il Razzismo è un Luogo Comune

Abbiamo a cuore 3 cose...

Partito Democratico Circolo Esquilino

Partito Democratico Circolo Territoriale Esquilino

Via Galilei 57 (metro A Manzoni) -  email: pdesquilino@gmail.com

Partito Democratico - Federazione PD Lazio - Federazione PD Roma