Partito Democratico Circolo Esquilino
Aggiungi il sito ai tuoi preferitiAggiungi pagina ai tuoi preferitiScegli come HomepageStampa questa paginaCondividi questa paginaSalva in PDFInvia questa pagina via mail

Sostieni la politica pulita. sostieni il Circolo Esquilino

I SONETTI DI GLORIA

STO GOVERNO

Me pare loffio e puro inconcrudente.
Penseno solo a tirà a campà,
restà su le portrone , ar Presidente,
senza affrontà le vere gravità.

Più d’un mese de chiacchere su gnente,
Letta me pare un quaquaraquà.
Tentenna, ammicca, è vago. Inconcrudente:
in preda ar pidielle sta a abbozzà.

Le larghe intese ciànno già fregato
Co Monti, la Fornero. E mo ch’avemo
rifatto l’elezzioni er risurtato

è che diciotto mesi aresteremo
in mano a sto ridicolo mercato
cor piddì a lo sbando e a lo stremo.

2013   Gloria Gerecht

 

Tante storie, un'anima

  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow

EsquiliNotizie del 21/09/2010 PDF Stampa E-mail
Martedì 21 Settembre 2010 16:02

Care amiche e cari amici del rione, eccoci di nuovo con voi dopo la vera fine delle vacanze estive. Come avrete notato, le edizioni del nostro notiziario si sono diradate un po’ nelle ultime settimane, ma ora riprenderemo con maggior costanza, contando sempre sul vostro aiuto e la vostra collaborazione.

All’Esquilino accadranno parecchie cose importanti nei prossimi giorni, a cominciare da EsquilinDo e le altre iniziative a sostegno di un modo diverso e migliore di vivere il rione TUTTI INSIEME.

Tratteremo infatti in questo numero di temi molto attuali nel dibattito sociale e politico (integrazione, immigrazione, scuola, senza fissa dimora), di decoro e di AMA che stenta a tenere in condizioni appena decenti il rione e sembra mancare di una strategia oltre che della volontà di parlare ai cittadini e di raccogliere proposte.

Inoltre, parleremo di cronache e avvenimenti culturali che arricchiscono le nostre giornate, impoverite purtroppo dalla scomparsa di persone care e storiche del rione, che di mancheranno molto.

Proponiamo anche delle ricche sezioni di “oltre Esquilino” (con il sostegno di una iniziativa per la tutela degli animali), “Fuori Orario”, “Notizie Migranti” e “Esquilino Mille e una Storia”

Insomma, stanno per cadere le foglie, gli animali preparano la tana e le riserve per l’inverno ma l’Esquilino si sveglia di nuovo, e noi ci saremo a fare la nostra piccola parte!!

Intanto, come al solito, presentiamo l’ultimo articolo della prima parte della Costituzione italiana, quella dei principi fondamentali. Per il momento ci fermiamo qui, ma vedremo se saremo in grado di sviluppare qualche altra idea che possa portare un po’ di buon senso e di consapevolezza di quanto siamo fortunati ad averequesta Costituzione, e ad iniziare tutti ad essere davvero cittadini con questi diritti e doveri.

Grazie

 >

Buona lettura!

 

 

COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA

Art. 12

La bandiera della Repubblica è il tricolore italiano: verde, bianco e rosso, a tre bande verticali di eguali dimensioni.

L’articolo 12 della Costituzione chiude i principi fondamentali e definisce la bandiera italiana che costituisce il segno identificativo dello Stato. Il tricolore fu adottato nel 1848 dal Regno di Sardegna con l’aggiunta dello stendardo simbolo dei Savoia e poi divenne nel 1861 la bandiera d’Italia. Con l’entrata in vigore della Costituzione italiana il tricolore è stato confermato con l’eliminazione dello stemma sabaudo.

Grazie a Silvia Vitelli e all’associazione “Giovani per la Costituzione” (www.giovaniperlacostituzione.it/), che ci hanno accompagnato negli ultimi mesi nella lettura e nella riflessione sui principi fondamentali della Costituzione.

 

 

 

MEDIAZIONE SOCIALE RILANCIA E CI CONVOCA

Ci scrive Leonardo e con vero piacere pubblichiamo, diffondiamo e aderiamo alla giornata di iniziative per la pulizia del rione EsquilinDo 2010.

“Cari amici e amiche,

come tutti sapete il progetto Mediazione Sociale-Esquilino ha chiuso le sue attività un anno fa, il 7 settembre 2009, dopo 5 anni di lavoro nel Rione. Durante quest’anno abbiamo comunque continuato a mantenere i contatti e sostenere la straordinaria Rete delle associazioni del Rione, tornando ufficialmente negli ultimi mesi con tre nuove progettualità: Abitare le Relazioni (I Municipio), Aracne, ed EsquilinDo (Provincia di Roma).

La prima di queste affronta il tema della mediazione socio ambientale, la seconda quello della mediazione scolastica mentre l'ultimo è dedicato ad eventi culturali progettati dal Rione per il Rione.

 

Le nostre risorse sono sicuramente ridotte rispetto al passato, ma non è ridotta la nostra voglia di pensare e fare ancora cose insieme ai cittadini, alle scuole e alle associazioni. La nostra sede peraltro non è più in via Mamiani, ma, mimetizzata tra i banchi di frutta e verdura, riapre all’interno del Nuovo Mercato Esquilino, per dare continuità al lavoro intrapreso in questi anni, mantenere e/o costruire nuove relazioni sociali, offrire servizi di ascolto e orientamento, progettare in maniera partecipata.

Anche per questo motivo si è deciso di riavviare le attività proprio a partire dal “Banco della Mediazione Sociale” ossia dal Mercato, luogo storico e simbolico del Rione e uno dei nodi di sviluppo socio-economico dello stesso.

Infatti, stiamo organizzando, in occasione della campagna nazionale di Legambiente “Puliamo il Mondo”, una giornata di pulizia nelle vie adiacenti al mercato, coinvolgendo scuole, cittadini, associazioni, commercianti e chiunque abbia voglia di portare avanti un percorso di miglioramento del Rione. Questo rappresenta solo l’inizio di eventi più grandi che andranno a valorizzare il mercato, le comunità, la scuola ed il territorio tutto.

L’appuntamento è per il 24 settembre dalle 10 alle 17, al gazebo all’aperto del Nuovo Mercato Esquilino, situato nello spazio tra mercato alimentare e quello di merci varie. Presso il gazebo, sarà allestito un “punto d’incontro” dove tutte le associazioni, potranno esporre e distribuire il proprio materiale, le proprie progettualità e la propria arte.

Un modo per rincontrarsi e riprogettare insieme nuove attività e appuntamenti comuni. Di seguito trovate una prima bozza di programma, che verrà aggiornato in base alle vostre idee e proposte che, come sempre, attendiamo numerose.

Per adesioni e proposte potete contattarci via email all'indirizzo  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.  oppure telefonando al numero 389/1116214.

Vi aspettiamo!”

 

ESQUILINDO CHE SI_CURA: PARTECIPIAMO IN TANTI!

ESQUILINDO è un progetto delle cooperative sociali Parsec ed EureKa Primo Onlus, finanziato dalla Provincia di Roma, con il Patrocinio del I Municipio Centro Storico, rivolto a tutta la città ed in particolare al Rione Esquilino.

ESQUILINDO è un contenitore di idee, di eventi urbani, di cultura. Nasce nel 2007, all’interno delle azioni sostenute dal Progetto Mediazione Sociale-Esquilino, con l’intenzione di costruire un’idea condivisa di città “Linda”, come risposta alle richieste di tanti cittadini e commercianti che desiderano contribuire in prima persona alla valorizzazione degli aspetti positivi del Rione, come volano per una sua riqualificazione.

ESQUILINDO cresce anche con la convinzione che prendersi cura del Rione, significa rendere la stessa città di Roma più bella, accogliente e sicura.

In questa cornice Esquilindo propone tre importanti appuntamenti, programmati tra settembre 2010 sino a giugno 2011:

A Settembre, ESQUILINDO CHE SI_CURA, quarta edizione, un’ iniziativa dedicata alla cura dell’ambiente, inteso come ambiente urbano, ma anche e soprattutto come spazio in cui si sviluppano relazioni sociali. L’evento, quest’anno, parte dal Nuovo Mercato Esquilino, e precisamente dalla sede operativa del Progetto, sita all’interno del “Banco della Mediazione Sociale” che, mimetizzato tra i banchi di frutta e verdura verrà inaugurato martedì 21 alle ore 12.30 per dare continuità al lavoro svolto negli anni precedenti, mantenere e/o costruire nuove relazioni sociali, offrire servizi di ascolto e orientamento, progettare in maniera partecipata con i cittadini che vivono o lavorano nel Rione.

A Dicembre 2010 è la volta di ESQUILINDO-ASSAGGIA IL MONDO, alla sua seconda edizione, prevede un viaggio di conoscenza: giornate di arte, gastronomia e cultura nel Nuovo Mercato Esquilino, tra i colori, gli odori e i sapori di un straordinario mercato internazionale.

E infine maggio 2010 ESQUILINDO SPORT SENZA FRONTIERE, una giornata, alla sua terza edizione, che propone una “gimkana” attraverso la pratica degli sport di tutte le realtà che abitano il Rione, dal calcio al cricket, dal basket al badminton.

 

Programma EsquilinDo CHE SI-CURA

Martedì 21 settembre 2010

Ore 12.30

Inaugurazione “Banco della mediazione”

 

Si inaugura lo sportello di ascolto e orientamento e anche lo spazio operativo del progetto Esquilindo.

Il “banco della mediazione”, dal 21 settembre in poi, sarà aperto al pubblico ogni martedì e venerdì dalle 10.00 alle 13.00.

 

Venerdì 24 settembre 2010

Ore 10.00 – 18.00

Il Banco delle relazioni

 

Un banco situato nello spazio tra mercato alimentare e quello di merci varie che “espone” progetti, servizi, relazioni, pubblicizza tutte le diverse modalità con cui si esprime il volontariato e la solidarietà presente nel Rione, al solo prezzo di un sorriso o di una stretta di mano. Il banco è dedicato a tutte le realtà sociali dell’Esquilino, e rappresenta una sorta di expò dell’associazionismo locale, della sua capacità di fare, tessere relazioni anche con l’arte e la cultura.

Danze, balli e canti e attività sportive (break dance, cricket, badminton e altre) si susseguiranno nel piazzale antistante i due mercati e saranno curati dalle diverse associazioni italiane e dalle diverse comunità straniere che hanno aderito a Esquilindo, nonché dal Progetto “Tutti in Piazza”.

 

Ore 11.00-12.00

Lezioni all’aria aperta

Lezione all’aria aperta per i ragazzi delle scuole del Rione, sulla cura dell’ambiente e delle relazioni territoriali.

 

 

Ore 14.00 – 18.00 (Appuntamento davanti al Teatro Ambra Jovinelli)

Puliamo le vie intorno al Mercato Esquilino

 

Adesione alla campagna nazionale di Legambiente “Puliamo il Mondo” per la pulizia delle strade, insieme alle scuole, alle associazioni, ai commercianti ed ai cittadini del Rione Esquilino. Pulizia delle strade e dei muri nelle vie intorno al mercato; Via Turati, via Mamiani, via Principe Amedeo, via Cairoli, via La Marmora, via Ricasoli, Piazza Pepe e, se possibile, anche i giardini dell’Acquedotto.

 

IL PROGRAMMA CONTINUA!

Domenica 26 settembre 2010

Ore 10.00-17.00 - cortili scuola F. di Donato, via Bixio, 83/85

Festa “Bentornati a Scuola”

 

Aderisce a EsquilinDo anche l’iniziativa “Bentornati a Scuola”, curata da genitori e insegnanti della Scuola Di Donato dove si potrà assistere gratuitamente alla dimostrazione delle attività sportive e artistiche, ai corsi di lingua e di musica che si terranno tutti i pomeriggi durante l’anno scolastico in corso. Oltre a visitare il mercatino dell’usato sarà possibile pranzare con i sapori dalla Somalia, Bangladesh, Italia, Iran, Cina e divertirsi partecipando alle dimostrazioni delle diverse attività sportive: capoeira, pattinaggio, danza, cricket e tante altre.

 

Per informazioni:

Progetto “Esquilindo” : Tel. 0689689965/6; Mobile. 389/1116214       Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. , ,www.mediazionesociale.org

 

 

CI HA LASCIATI MICHELE

Un ricordo di Michele Buratti, cittadino da sempre e per sempre dell’Esquilino, da parte di Alessandra e Roberto.

 

Se n’è andato un nostro amico, Michele, e siamo più soli.

Molti di voi saranno probabilmente stati abituati a vedere un signore gentile passeggiare lentamente, spesso in compagnia della amata moglie, con un simpatico bassotto chiamato Ciro. Per il principio di estensione dei nomi noto solo ai proprietari di animali, anche Michele era noto come “Ciro” per chi non conosceva il suo nome.

Un signore dall’aspetto pacato ma che aveva un carattere forte, che aveva vissuto la guerra e che amava la vita.

L’avevamo conosciuto proprio incontrandolo a passeggio, noi con i nostri cani, in piazza Vittorio poco dopo essere venuti a vivere qui. D’estate ci incontravamo nel giardino e ci sedevamo tutti e quattro con i rispettivi quadrupedi sulle sedie del cinema all’aperto a raccontare le nostre vite vissute in generazioni lontane tra loro, ma con gli stessi valori civili che ci facevano sentire vicini nel tempo e nell’animo e non solo nello spazio.

Michele ha vissuto alcuni anni con la propria malattia, consapevole di essa ma senza mai cedere ad essa. Ha vissuto la propria vita generosa fino alla fine, senza mai dimenticarsi degli altri, vicino all’amata moglie e alla figlia che sappiamo essere fiere di un uomo così gentile”.

 

 

 

CITTADINI ATTIVI = RISULTATI OTTENUTI = PORTICI PULITI

Abbiamo sempre creduto che la presenza di cittadini attivi sul territorio possa portare ad un equilibrato e costruttivo rapporto con le Istituzioni, e anche questa volta ne abbiamo una prova.

Ricordate le lettere che Cittadinanzattiva – Assemblea di Roma Centro ha inviato ripetutamente a Comune, AMA, ASL per far riprendere il lavaggio settimanale del pavimento dei portici di piazza Vittorio? Dopo reiterate segnalazioni, AMA ha risposto (vedi lettera qui sotto) e la cooperativa sociale ha ripreso il lavaggio che ora avviene il venerdì. Addirittura (cosa mai vista) il primo giorno dopo il rientro in azione, abbiamo osservato lavaggi a mano con secchio di candeggina e spazzolone!! Bellissimo spettacolo.

Ringraziamo tutti coloro che si sono uniti alla pressione sulla dirigenza AMA e sul Comune (a proposito, nessuno dell’amministrazione comunale – nemmeno il nuovo tanto decantato referente di Esquilino per conto del Sindaco - si è degnato di dare una risposta, almeno di cortesia, ai richiedenti: ci aspettiamo che in futuro anche questo aspetto possa migliorare): ora, con Esquilindo e dopo di esso, cercheremo di lavorare per avere i marciapiedi e le strade più pulite tutti i giorni.

 

Intanto questa è la risposta che Cittadinanzattiva ha ricevuto da AMA:

Nello scusarmi  per non averLe risposto tempestivamente ma in questo periodo ero in ferie, La informo  che gli interventi di pulizia dei pavimenti dei porticati di Piazza Vittorio sono ripresi, con le frequenze previste,  da venerdì 27 Agosto.

Rimango a completa disposizione sia per  eventuali chiarimenti sia per un sopralluogo per verificare la situazione della Piazza.

Cordialmente Maurizio Barbato”

 

 

SEMPRE IN TEMA. UN INTERVENTO DEL PRIMO MUNICIPIO SULLA PULIZIA DEL RIONE

Ci scrive Stefania Di Serio, da pochi mesi consigliere del Primo Municipio nelle file del PD e volentieri pubblichiamo.

 

“Vi invio un comunicato stampa relativo a una  mozione approvata in Municipio all'unanimita' (ad esclusione del consigliere Caratelli che ha lasciato l'aula) sul tema della pulizia del rione.
Ho ritenuto di presentare un atto - cofirmato dai consiglieri Cicconi, Marin e  Grazioli - che riprendesse il tema della pulizia dell'Esquilino e lo affrontasse nella sua interezza con interventi immediati (risoluzione delle problematiche legate a cassonetti e
pulizie dei marciapiedi) e interventi che consentano un maggiore controllo e attivino un circolo virtuoso, ad esempio  attivando iniziative di condivisioni con commercianti, cittadini e istituzioni.
La mozione è stata ripresa dal consigliere De Luca (vice presidente commissione ambiente al Comune di Roma) che ha a sua volta presentatoun'interrogazione sul tema.
Di seguito trovate il comunicato stampa congiunto
Ciao, Stefania Di Serio”

ESQUILINO, DE LUCA E DI SERIO (PD): “PATTO PER LA PULIZIA ED IL DECORO”.
Spazzatura per strada, escrementi sui marciapiedi, e maleodori, hanno caratterizzato l’estate dei residenti del Rione Esquilino e dei turisti che lo hanno frequentato. Ma questo è solo un aspetto della situazione igienica del Rione Esquilino notevolmente peggiorata.
Solo per far intervenire l’AMA a svolgere il lavoro per cui è pagata, sono state necessarie ripetute comunicazioni e telefonate dei Consiglieri, di cittadini e di associazioni tra cui Cittadinanzattiva.
I cittadini del Rione hanno avuto il piacere di vedere strade, marciapiedi e giardini puliti, solo per la visita del Sindaco Alemanno.
Per porre fine a questa situazione occorrono interventi istituzionali e sensibilizzazione dei cittadini e dei commercianti. Per raggiungere questo scopo la Consigliera Di Serio, al Consiglio del I Municipio e De Luca, Vice Presidente della Commissione Ambiente, hanno presentato una mozione.
Il documento affronta temi cruciali quali la riorganizzazione dei punti di raccolta, il monitoraggio del contratto di servizio di AMA, una migliore pianificazione del servizio soprattutto nell’area del Mercato coinvolgendo cittadini, associazioni e commercianti con un “patto per la pulizia del rione” e infine promuove l’inserimento del Rione Esquilino nel progetto di raccolta porta a porta.
Il Consiglio del I° Municipio ha approvato questi interventi all’unanimità con l’esclusione del consigliere Caratelli (PDL), che sbandiera i problemi dell’Esquilino senza far seguire fatti concreti.


CHI HA VISTO IL CASSONETTO?

Cari amici,

volevo segnalare la allarmante scomparsa (visto le attenzioni che dedica l'Ama al nostro quartiere, portici in particolare) del cassonetto per i rifiuti cartacei che alloggiava all'incrocio tra via Principe Amedeo e via Cappellini. Il cassonetto in questione, nonostante svolgesse un lavoro superiore alle sue capacità si dava da

fare, eccome! Accoglieva immediatamente, non appena svuotato, le riviste, i giornali ecc. che noi abitanti della zona mettevamo da parte, pazientemente e caparbiamente, nelle lunghe attese degli svuotamenti tutt'altro che frequenti.

Ora da qualche settimana il cassonetto non è più al suo posto. Sarà andato in ferie anche lui pensando che ad agosto la gente va in vacanza e che si potesse fare a meno della sua opera? O forse, stanco di sobbarcarsi quasi tutto il lavoro della microzona (il raccoglitore si trovava, infatti, nel percorso che buona parte dei residenti segue per recarsi verso il mercato, la metro A, il plesso scolastico di via Bixio - via Conteverde, i giardini della nostra amata p.za Vittorio) e non contento del fatto che il suo collega (piazzato in prossimità di via Rattazzi) lavorasse di meno ha pensato bene di cercare fortuna altrove?

O forse anche lui era precario e non ha visto rinnovato il suo contratto di prestazione di servizio? L'Ama ha detto qualcosa o pure per lui (il cassonetto, intendo) si aspetta l'occasione da banda musicale? Mi ricorderebbe lo stile di certi eventi legati alla prima metà dello scorso secolo...

 

Non è il caso di scomodare Federica Sciarelli ma se qualcuno ne avesse notizia...

 

Ciao

Giorgio Aurizi

Caro Giorgio, pensiamo si tratti del simpatico gioco lanciato da AMA chiamato “indovina dov’è oggi?”. Cassonetti che si spostano, rotolano sui marciapiedi (uno azzurro ribaltato per una settimana in via dello Statuto, nonostante i solleciti), tengono la bocca chiusa impedendo di depositare sacchetti al loro interno, sostano in mezzo alla strada. Insomma, grazie ad AMA la nostra vita non è monotona e ogni giorno è ricca di sorprese e curiosità. In ogni caso ci auguriamo di avere una risposta a questa sua segnalazione.

 

 

VI RICORDATE IL PRIMO MARZO 2010 – UNA GIORNATA SENZA DI NOI?

Ci scrive il coordinamento del Movimento Primo Marzo e volentieri pubblichiamo, ricordando il successo della giornata di mobilitazione dello scorso anno, che vide il suo momento conclusivo proprio nei giardini di Piazza Vittorio, gremiti di persone di ogni razza e nazionalità, tantissimi anche romani, sensibili al tema della migliore integrazione dei cittadini immigrati e del pieno rispetto dei loro diritti.

“Primo Marzo – Una giornata senza di noi

Documento politico

La conferma dei valori fondamentali espressi nel manifesto fondativo, la decisione di costituirsi in associazione, un nuovo coordinamento.

L’assemblea nazionale (che si è tenuta a Bologna il 13 settembre e alla quale hanno preso parte 22 comitati territoriali e il coordinamento nazionale dimissionario) ha confermato i principi cardine del progetto Primo Marzo e definito i prossimi obiettivi e le prossime iniziative.

All’ordine del giorno erano: 1) la struttura organizzativa; 2) il rinnovamento del coordinamento nazionale; 3) la definizione dei prossimi obiettivi e delle prossime iniziative.

È stata evidenziata la necessità di strutturarsi, seppur nel modo più leggero possibile e garantendo la massima autonomia ai comitati territoriali.

È stata scelta la forma di associazione riconosciuta per assicurare al Primo Marzo un’identità più definita e autonoma e agevolare un dialogo lineare con altri soggetti e istituzioni. La forma associativa (che implica l’adozione di uno statuto) consente infatti di stabilire in modo netto i criteri e i principi inderogabili del progetto, i valori che lo caratterizzano e che non possono essere elusi, a partire dal carattere meticcio che il Primo Marzo ha rivendicato sin dalla sua nascita e intende mantenere. Nel manifesto fondativo  del Primo Marzo si legge infatti: Siamo immigrati, seconde generazioni e italiani accomunati dal rifiuto del razzismo, dell’intolleranza e della chiusura che caratterizzano il presente italiano.

Principi inderogabili sono anche la non violenza, l’apartiticità, la laicità, la trasversalità e la consapevolezza che la battaglia in difesa dei diritti dei migranti non può essere scissa da quella per i diritti in generale (e viceversa). Il razzismo e la xenofobia dilaganti, infatti, non sono mali circoscritti ma si inseriscono in un processo molto più generale e insidioso che mira a tagliar fuori dalla vita pubblica interi segmenti di popolazione (i migranti, i poveri, i non allineati...)  e a distrarre dalle vere emergenze di questa nostra epoca.

La partecipazione alle iniziative del Primo Marzo potrà avvenire secondo due diverse modalità: l’adesione all’associazione, che implica l’accettazione e la condivisione dei valori portanti; l’adesione alle singole iniziative.

Nella sua battaglia in difesa dei diritti umani universali e fondamentali e contro le politiche di esclusione, il Primo Marzo si richiama, in primo luogo, a leggi e convenzioni già esistenti, ma troppo spesso (e con grande disinvoltura) ignorate: pensiamo ai principi fondamentali della Costituzione e alla convenzione di Ginevra (cfr l’articolo 13 della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani del 1948:  "Ogni individuo ha diritto alla libertà di movimento e di residenza entro i confini di ogni Stato. Ogni individuo ha diritto di lasciare qualsiasi paese, incluso il proprio, e di ritornare nel proprio paese") .

In quest’ottica, l’assemblea nazionale del Primo Marzo considera fondamentale l’impegno verso il raggiungimento della cittadinanza piena per chi nasce, cresce, vive e lavora sul territorio italiano. Questo implica anche il passaggio dal criterio dello ius sanguinis a quello dello ius soli. La campagna per la cittadinanza piena si intreccia  inevitabilmente con altre  iniziative legislative: il  riconoscimento del diritto di voto amministrativo agli immigrati, la realizzazione delle pari opportunità, il rifiuto di leggi speciali (cfr. l’articolo 3 della Costituzione italiana: “Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. E’ compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese”).

Un altro tema  centrale indicato dall’assemblea è la campagna (informativa ma non solo) intorno ai Centri di Identificazione ed Espulsione, rispetto ai quali l’opinione pubblica ha troppo spesso idee vaghe e imprecise.

I CIE - tutti dovrebbero saperlo - sono lager inaccettabili dal punto di vista etico ma anche  strutture del tutto inefficaci rispetto ai loro scopi dichiarati, costosissime e ove si opera e si agisce quotidianamente in violazione di leggi europee ed italiane e dei diritti umani (cfr. l’articolo 6 della Convenzione Europea sui Diritti dell’Uomoche dice che tutti gli esseri umani - dunque anche i migranti irregolari - hanno diritto ad un processo equo, alla presunzione di innocenza fino ad una condanna penale e ad un ricorso effettivo).

Tra gli obiettivi prossimi va ovviamente annoverata anche la preparazione e l’organizzazione del Primo Marzo 2011- Seconda edizione della Giornata senza di noi.

A Bologna, infine, è stato allargato e rinnovato il coordinamento nazionale, l’organismo incaricato cioè di coordinare l’azione dei singoli comitati. Ne fanno parte Cecile Kashetu Kyenge, Teodora Lara, Omar Laurino, Stefania Ragusa, Ilaria Sesana, Francesca Terzoni, Seble Woldeghiorghis. Cecile Kashetu Kyenge è stata votata come coordinatrice/portavoce”.

 

 

CANI E CACCHE. UN CONNUBIO DA MIGLIORARE

Ci scrive Edilma e pubblichiamo.

“Salve, io abito in via Umberto Biancamano, purtroppo tutte le vie intorno sono piene di escrementi dei cani che i proprietari non raccolgono, è una situazione pesante, cosa posso fare? C'è già qualche movimento o campagna in merito. Grazie,

Edilma Henao”

 

Gentile Edilma, purtroppo non possiamo che appellarci all’educazione dei proprietari dei nostri amici a quattro zampe. Certo che qualche controllo da parte della Polizia Municipale, sempre annunciato ma mai realizzato, potrebbe aiutare. Crediamo però che una sana pressione civile (“moral suasion”) da parte di altri cittadini e padroni educati di cani potrebbe indurre almeno qualcuno di questi ineducati a cambiare atteggiamento. Tanto prima o poi la pesteranno anche loro…

 

UNA POETESSA ALL’ESQUILINO

Ci scrive Marco, per segnalarci che tra i residenti del nostro rione c’è anche chi scrive poesie. Bella notizia, davvero, siete tutti invitati ad ascoltare di persona.

 

Mercoledì 22 settembre, ore 19.00

PRESENTAZIONE DEL LIBRO

di Rita Iacomino

“AMORE DI SILVIA E ATLANTE”

Giulio Perrone editore

Al Beba do Samba

via De’ Messapi, 8 – Roma

Interverranno: Letizia Leone, Giuliano Capecelatro,  Anna Maria Robustelli

 

GS ESQUILINO BASKET AL VIA. APERTE LE ISCRIZIONI PER LE ATTIVITA’ 2010 - 2011

Da lunedi' 13 settembre
ricominciano tutte le attivita'
del g.s. dil. Esquilino
organizzate direttamente ed in collaborazione con gli istituti comprensivi
"Guicciardini" e "Manin"


BASKET MASCHILE E FEMMINILE
MINIBASKET
BABYBASKET
DANZA CLASSICA
GINNASTICA DOLCE
________________________________

PER INFORMAZIONI SUI CORSI, SUGLI ISTRUTTORI E SULLE PALESTRE
SIPREGA DI CONTATTARE I RAPPRESENTANTI DEL G.S. DIL ESQUILINO
PRESENTI PRESSO LE SCUOLE OPPURE SI PREGA DI VISITARE IL SITO INTERNET
WWW.GSESQUILINO.IT <http://www.gsesquilino.it/>

 

I SENZA FISSA DIMORA SONO UN PROBLEMA DI DECORO URBANO?

E’ con sconcerto e con viva preoccupazione che abbiamo letto, su un blog del nostro rione, un paio di lettere in merito alla signora tedesca senza fissa dimora che soggiorna praticamente in modo stabile sul marciapiede di fronte a Santa Maria Maggiore. Siamo certi che tutti voi la conoscete per averla vista almeno una volta. Si tratta di un esempio di un fenomeno di disagio sociale abbastanza diffuso in città e nel nostro rione, che, in assenza di efficaci interventi da parte delle istituzioni (l’assistenza viene lasciata al volontariato, per quello che generosamente riesce a fare) genera discussioni e sortite tra le quali quella del sindaco Alemanno che proprio da noi ha affermato che servirebbe il ricovero coatto (bravo, proprio bravo!).

Nel post e nelle lettere si possono leggere frasi come ”perché questa persona non viene, semplicemente e di peso, presa e portata via laddove può stare meglio e laddove, non vogliamo apparire insensibili a dirlo, può nuocere di meno al decoro della città”, oppure “un simile bivaccamento in un luogo simile…Lede fortemente l’immagine della città perchè veicola un messaggio negativo, un messaggio di disinteresse nei confronti di chi non ha niente, anche se poi è lei a rifiutare un’alternativa” o anche “Se questa persona ha problemi mentali, come qualcuno dice, mi chiedo perché la Polizia Municipale non ricorre ad un TSO (trattamento sanitario obbligatorio) come previsto dalla legge in una struttura sanitaria idonea nella quale oltre ai medici vi sono anche assistenti sociali che se ne prendono cura”.

Discutiamo di assistenza, prevenzione, supporto, protezione (spesso i senza fissa dimora sono vittime di violenza), percorsi di recupero sociale, etc. Non di problema di decoro rappresentato da esseri umani in difficoltà, da persone che talvolta sono arrivate a vivere sui marciapiedi dopo aver perso il lavoro o la famiglia.

Chi scrive queste cose dovrebbe riflettere sul loro significato, informarsi, fare un esame di coscienza, leggere un po’ di storia e pentirsi di quello che ha affermato. Molte brutte cose sono accadute negli anni passati partendo da questo presupposto: la diversità va isolata, resa invisibile e possibilmente fatta sparire, in ogni modo.

 

 

IMMIGRAZIONE. FORMAZIONE ALL’ESQUILINO PER LE DONNE DI NAZIONALITA’ CINESE

Ci scrive Laura del CIDIS e volentieri pubblichiamo.

“Cari amici,

siamo un'associazione di livello nazionale, che si occupa di immigrazione (www.cidisonlus.org)

A Roma abbiamo sede nel quartiere Esquilino.

Avremmo piacere di incontrarvi per proporvi alcune nostre iniziative.

Al momento stiamo lavorando alla realizzazione di 6 corsi di italiano per donne straniere nel Municipio I.

Il primo corso è di prossima attivazione.

Grazie al cofinanziamento dell'UNAR, lavoriamo infatti  ad una campagna contro la discriminazione verso la comunità cinese che , tra le varie attività, propone un corso di formazione (modulo propedeutico di italiano, e modulo di formazione su gestione d'impresa) destinato a DONNE CINESI.

Siamo in fase di raccolta iscrizioni e selezione corsiste.

Vi allego la locandina del progetto  e un volantino informativo con relativa traduzione in Cinese dove trovate  i dettagli del corso .

Vi ringrazio sin d'ora e spero di potervi incontrare

A presto”

 

 

 

 

DIVENTA IMPRENDITRICE DI SUCCESSO!

 

Vuoi far crescere la tua azienda?

Vuoi avviare una nuova attività?

Vuoi aggiornare le tue competenze nel settore del commercio?

 

VIENI AL CORSO GRATUITO DI ITALIANO COMMERCIALE,  CREAZIONE E GESTIONE D’IMPRESA

PER DONNE CINESI

Il corso è strutturato in:

 

·         40 ORE DI ITALIANO per migliorare il tuo italiano nella comunicazione con i clienti e per imparare a conoscere il linguaggio dell’imprenditoria, del commercio e del marketing. INSEGNANTE SINOFONA.

 

·         60 ORE DI CREAZIONE E GESTIONE D’IMPRESA per imparare a gestire un’impresa, predisporre un piano economico e finanziario per la tua impresa, formulare un piano di marketing, conoscere le opportunità di finanziamento disponibili.

 

Alle corsiste sarà rilasciato un ATTESTATO DI FREQUENZA

 

Inizio del corso: 11 ottobre 2010

Date e orari del corso: gli orari e le date del corso saranno definiti in base alle esigenze delle corsiste

Sede del corso: Via Napoleone III 6, Roma – presso Crasform Onlus

Data di selezione delle corsiste: giovedì 7 ottobre 2010 alle ore 9.00

Criteri di selezione: motivazione alla frequenza e discreta conoscenza dell’italiano

 

Per informazioni ed iscrizioni:

 

                                                         

Cidis Onlus – Via Merulana 272                               Crasform Onlus – Via Napoleone III

Tel: 06.483066                                                           Tel: 06. 44703343                 

            Mail:  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.                                        Mail:  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.                                          

Questo progetto è finanziato dal Dipartimento per le Pari Opportunità – Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali  – Azioni Positive 2009-2010 

 

 

 

 

为一个成功的女企业家!

您要扩大您的企业吗?

您要经营一个新的业吗?

您要增强商业知识吗?

欢迎您来参加全程免费为中国女士设置的业语言训课程并且教您如何创业进行业管理

课程分配

·         40 个小时的意大利 改善您与客语言沟通能力,学业术语和业术语并且认知市场营销。汉语老师

 

·         60 个小时的创业课程和企业管理课程如何经营一个企业,为您的企业准备一份业务和财务计划,制定营销计划,把握现有的融资机会。

课程完毕后会给参与者签发证书

 

课程开始于: 20101011

课程时间课的 班期 是跟 学生一起 决定的。

地点Via Napoleone III 6, Roma – Crasform onlus

参与者的选拔日期2010 107日星期四上午9.00

选拔条件:参加此次课程原因和略懂基本意大利语者

 

询和报名:

 

                                                       

 

 

LE NUOVE INIZIATIVE DEL CIRCOLO PD ESQUILINO

Ci scrive Emiliano e volentieri pubblichiamo.

 

“Vi invio una lista delle attività che sono riprese da settembre al Circolo PD Esquilino:

 

  • Ogni giovedì in via Galilei 57 è aperto il circolo del partito Democratico Esquilino, per discutere, proporre e confrontarsi. In sede sono presenti anche i nostri consiglieri Municipali Letizia Cicconi, Stefania Di Serio e Federico Migliaccio per discutere i problemi del rione.
  • Ogni giovedì in via Galilei 57 dalle 17.30 è attivo lo sportello di orientamento legale (gestito da avvocati e volontari esperti) che fornisce assistenza gratuita ai cittadini. (chi fosse interessato può contattare Alberto Orlandi 3299722659, Sara Alonzi 3460946509)
  • Ogni martedì in via Galilei 57 dalle ore 18.00 si riunisce il circolo dei Giovani Democratici Esquilino (contatti Alessia Fortino 3482261204, Bruna Messa 3208248538)
  • Tutti i sabati appuntamento alle 10.30 sotto i portici di Piazza Vittorio (altezza Oviesse). Da questa postazione partono gruppi di volantinaggio (in base al numero dei volontari) alle poste, supermercati, mercato di Via principe Amedeo e di via Sommelier, Piazza Vittorio Emanuele. (Per adesioni e disponibilità contattare Davide Curcio 3333260101)

 

 

PROSSIMA INIZIATIVA PUBBLICA

Giovedì 23 Settembre. TORNARE A GOVERNARE ROMA, PARTIRE DAI MUNICIPI Assemblea pubblica in via Galilei 57 dalle ore 18.30 con MARCO MICCOLI (coordinatore Federazione romana Pd), ORLANDO CORSETTI (Presidente del I Municipio) e gli assessori del I Municipio.

 

 

 

L’ESQUILINO MILLE E UNA STORIA

Il nostro rione negli ultimi decenni: storie di vita vissuta

In merito al tema presentato nell’articolo precedente, Tiziana ci ha raccontato che c’erano parecchie persone senza fissa dimora negli anni in cui piazza Vittorio era animata dal mercato.

Ce n’era uno in particolare che Tiziana ricorda, “accasato” tra le colonne davanti ad un negozio vicino a via Napoleone III. Era un uomo gentile, educato, con una certa cultura e istruzione (affermava di essere laureato in ingegneria) e capace di parlare due lingue. Era famoso anche perché usava accendersi le sigarette con una lente concentrando i raggi del sole su di esse. Questo vezzo un giorno stava per costargli la vita. Dal momento che usava dell’alcol per tenersi pulito, un giorno, mentre concentrava i raggi solari sulla sua sigaretta, i vapori di alcol che ancora lo circondavano hanno preso fuoco. L’uomo, avvolto dalle fiamme, è corso verso il mercato chiedendo aiuto, e gli operatori a lui più vicini sono intervenuti tempestivamente avvolgendolo in coperte e, una volta spente le fiamme, hanno chiamato un’ambulanza che l’ha portato al San Giovanni a sirene spiegate. Per fortuna le ustioni non erano gravi e “l’ingegnere” ha fatto ritorno al suo porticato qualche giorno dopo: è stato accolto assai affettuosamente, quasi come un eroe.

Certo sembra una storia di secoli fa o uscita dal libro cuore, ma si tratta di circa 25-30 anni fa e del nostro rione. A quei tempi i “barboni” erano meno visibili, si mimetizzavano nel caos del mercato e nella situazione di degrado che lo circondava: Con lo spostamento del mercato sono divenuti più visibili, con tutto il loro carico di disagio, sporcizia, degrado. E sono iniziate le attività contro di loro, le proteste, le richieste di allontanamento e di ripristino, appunto, del decoro. Anche allora non si è parlato un gran che di dare assistenza, di andare alla radice del problema di ogni singola persona in quelle condizioni. No, occorreva eliminare il problema, ma il problema è la persona. Eliminiamo la persona. Forse occorre prendere un’altra strada e iniziare di nuovo ad accettare la diversità, ad accettare di non essere depositari di verità”.

Grazie Tiziana per il contributo, aspettiamo un’altra storia.

 

OLTRE ESQUILINO

A difesa degli animali e del nostro volerci definire “animali superiori”

Per firmare potete e dovete collegarvi a questo sito:

http://www.lacoscienzadeglianimali.it/index.php/test-in-evidenza/149-lettera-aperta-a-tutti-i-parlamentari-europei

Revisione della direttiva 86/609 sulla vivisezione

LETTERA APERTA A TUTTI I PARLAMENTARI EUROPEI

Onorevoli deputati,

a partire dall'8 settembre il Parlamento europeo esaminerà in seconda lettura la proposta di revisione della direttiva 86/609 sull'utilizzazione degli animali per scopi scientifici.

Noi primi firmatari e garanti del manifesto “La Coscienza degli Animali”, già sottoscritto da migliaia cittadini, non possiamo che dirci sorpresi e sconcertati dai contenuti di tale testo.

La revisione che il Parlamento europeo si appresta ad esaminare non persegue con sufficiente determinazione l’obiettivo di ricercare e diffondere metodi  alternativi alla sperimentazione sugli animali, pratica che offende il sentimento collettivo. Inoltre  condanna ad una morte ingiusta quanto inutile anche gli animali d’affezione.

 

 

 


 

 

 

Un cantiere di proposte condivise per
immaginare l'Esquilino del futuro
PARTECIPA ANCHE TU!

 

  • Il Razzismo è un Luogo Comune
  • Il Razzismo è un Luogo Comune
  • Il Razzismo è un Luogo Comune
  • Il Razzismo è un Luogo Comune
  • Il Razzismo è un Luogo Comune
  • Il Razzismo è un Luogo Comune
  • Il Razzismo è un Luogo Comune
  • Il Razzismo è un Luogo Comune
  • Il Razzismo è un Luogo Comune
  • Il Razzismo è un Luogo Comune
  • Il Razzismo è un Luogo Comune
  • Il Razzismo è un Luogo Comune
  • Il Razzismo è un Luogo Comune
  • Il Razzismo è un Luogo Comune
  • Il Razzismo è un Luogo Comune
  • Il Razzismo è un Luogo Comune
  • Il Razzismo è un Luogo Comune
  • Il Razzismo è un Luogo Comune
  • Il Razzismo è un Luogo Comune
  • Il Razzismo è un Luogo Comune
  • Il Razzismo è un Luogo Comune

Abbiamo a cuore 3 cose...

Partito Democratico Circolo Esquilino

Partito Democratico Circolo Territoriale Esquilino

Via Galilei 57 (metro A Manzoni) -  email: pdesquilino@gmail.com

Partito Democratico - Federazione PD Lazio - Federazione PD Roma