Partito Democratico Circolo Esquilino
Aggiungi il sito ai tuoi preferitiAggiungi pagina ai tuoi preferitiScegli come HomepageStampa questa paginaCondividi questa paginaSalva in PDFInvia questa pagina via mail

Sostieni la politica pulita. sostieni il Circolo Esquilino

Tante storie, un'anima

  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow
  • An Image Slideshow

IO PAGO PDF Stampa E-mail
Giovedì 27 Gennaio 2011 11:08

Io compro, prenno, pago, so’ potente.
Nisuno sa resiste a li quatrini,
offro de tutto e indiferentemente
movo li fili de li burrattini.

Compro ville, tivvù, compro la gente,
puttane, giornalisti, cittadini,
compro voti, conzenzi. Eventuarmente
pozzo pagà avvocati e questurini.

E’ tutt’invidia: voi ce rosicate
de nun potè comprà quer che ve pare,
de dovevve magnà pasta e patate.

La vita e solamente un grann’affare,
è inutile che voi me la tirate!
E quela eterna? La sto già a trattare.

2011 Gloria Gerecht

 
L'ARTALENA PDF Stampa E-mail
Lunedì 10 Gennaio 2011 13:02

Da ‘n mese stamo a annà su l’artalena:
ar parlamento nun se fa più ‘n cazzo.
E chi straparla e domina la scena
è sempre Lui, senz’ombra d’imbarazzo.

Ce recita la stessa cantilena:
“Er governo va avanti e ner palazzo
io ciaresto.” Cor riso de la iena,
ce sfotte asseme a tutto er su codazzo.

E l’artri? Chi l’ha visti? Sò spariti.
Mugugnano, vanno ‘n piazza. Le primarie
nun piaceno a li vecchi ormai incalliti

e manco l’elezzioni straordinarie.
De sto passo, co tutti rammolliti,
l’uniche novità sò giudizziarie.

2011 Gloria Gerecht

 
QUER CHE NUN VOJO PDF Stampa E-mail
Lunedì 22 Novembre 2010 14:07

Vorebbe fà ‘n elenco puro io.
Nun lungo: dev’entrà drentr’ar sonetto,
senza allargamme, solo ‘n borbottio
de quer che me stà ‘ntorno e nun accetto.

Vedè continuamente lo sciupio
che va a riempì sortanto er cassonetto.
Le straggi fatte ‘n nome der tuo Dio.
L’inverno de la gente senza tetto.

Er potere sposato a l’aroganza.
L’inutile superbia der cretino.
Un governo de farza maggioranza.

Decide de nun fà manco un bambino
perché nun ciai certezze, né speranza.
Pagà du euri per un cappuccino.

2010 Gloria Gerecht

 
VILLE PDF Stampa E-mail
Martedì 02 Novembre 2010 09:17

E’ ‘n ballo, ‘na canzona o è ‘na cura?
Pe la cronica se chiama Bunga Bunga,
se fa co minorenni da pretura
che certo ce la sanno morto lunga.

Si ciai n’età dicemo ‘n po’ matura,
devi avecce quarcosa che te punga,
che stimoli er calo de natura
e attizzi l’ormai inutile prolunga.

Sta cosa la faceva anche Tiberio
a Capri, ne la villa rinomata.
Er nostro, che cià ‘n’isola sur serio,

preferisce la villa de casata.
‘Ndo cià stabbilito sede e imperio
pe facce da impunito sta bravata.

2010 Gloria Gerecht

 
OGNUNO STA SOLO... PDF Stampa E-mail
Martedì 19 Ottobre 2010 14:24

Semo soli a sto monno, nun c’è verzo,
semo miliardi, troppi, tuttavia,
chi ce sta accanto è sempre ‘n’io diverzo.
Ognuno è uno. Che malinconia.

Stamo asseme ner mezzo a l’universo,
ma er penziero, sippuro in sintonia,
ne le parole spesso viè disperzo.
Er nocciolo ce sfugge e scappa via.

Er sole ce trafigge e nun ce scalla,
anche si abbrucia e fonne quele ali
che voressimo avè pe restà a galla

pe sollevacce sopra a li mortali.
Avecce er core come ‘na farfalla
che vive ‘n giorno, ma senz’artri mali.

2010 Gloria Gerecht

 
'NA VORTA PDF Stampa E-mail
Lunedì 17 Gennaio 2011 09:14

‘Na vorta sto paese lavorava,
esciti da la fame e da la guera,
er lavoro era duro, ma durava,
anche si spesso era ‘na galera.

Era privileggiato chi studiava,
ciaveva ‘na speranza de cariera.
Mo co la laurea che ce fai? La bava:
de trovà ‘n posto nun c’è più magnera.

‘Na vorta c’era er sudore, ma er diritto
ar rispetto pe chi co la fatica
se guadambiava er tetto e puro er vitto.

Mo nun c’è più. E, come ‘na formica,
tocca arancà cor peso e puro zitto
p’arimediasse armeno ‘na mollica.

2011 Gloria Gerecht

 
BON NATALE PDF Stampa E-mail
Lunedì 20 Dicembre 2010 15:48

Questo è un bijetto, anzi ‘na proposta
de bon Natale, fatta a tutti quanti,
ma senza annà a spedì tutto a la posta
in fila asseme a l’artri postulanti.

Ormai so’ pigra, nun lo faccio apposta,
ma le feste divengheno stancanti:
nun ce la faccio a core senza sosta
in cerca de regali stravaganti.

A tutti queli che me vonno bene,
a chi nun me vò più, e cià raggione,
a chi st’anno nun c’è, le tasche piene

de sta vita ch’è spesso ‘na priggione
e se n’è annato, rotte le catene,
auguri, tanti, come da copione.

2010 Gloria Gerecht

 
POCHE, SCERTE, PAROLE. PDF Stampa E-mail
Lunedì 15 Novembre 2010 13:32

Vorebbe avecce l’ali pe volà
senza pagà er bijetto in aeroprano.
O esse un pesce pe potè notà,
senza la nave, senza er capitano.

E annammene da sola in libertà:
annà sempricemente più lontano,
senza radici, ne l’immenzità
d’un monno sconosciuto, anche si umano,

ch’esiste solo ne la testa mia.
Indò se vive bene e se sta ‘n pace.
Chi è prepotente viè cacciato via

e chi è cretino viè zittito e tace.
E ner silenzio, forze è ‘n’utopia,
se dice solo quer che è efficace.

2010 Gloria Gerecht

 
CE FATE O CE SETE? PDF Stampa E-mail
Lunedì 25 Ottobre 2010 12:34

Scazzi (nome), monnezza e lodo Alfano.
Questo er menù che, ormai regolarmente,
ce sorbimo co rito quotidiano
asseme ar pasto: er ricostituente.

Inutile cercà de fa l’indiano.
Ascorto, magno, puro inappetente,
spaghetti co la merda. Er parmiggiano
nun copre più la puzza prepotente.

Ma indò vivemo? Ched’è sta follia?
Semo a la frutta, manco de staggione,
servita cor cazzeggio. Guitteria.

Pronto? Ce sete? Che ce vò er gettone?
Nun ce sta manco la segreteria.
Stanno tutti a parlà ‘n televisione.

2010 Gloria Gerecht

 
BARZELLETTE PDF Stampa E-mail
Domenica 03 Ottobre 2010 10:08

Le barzellette sò propizziatorie,
dette pe amicasse chi è de fronte.
A vorte, quanno sò diffamatorie,
le risate se fanno anche più pronte.

E vengheno da bocche senza storie,
quele che a dì de sì sò sempre pronte.
Invece de storielle derisorie
e ripete che presto farà er Ponte,

potrebbe dì qualcosa de reale,
ch’abbia a che véde puro cor paese:
perché noi nun ridemo e stamo male.

E avecce chi governa e cià pretese
de divertisse come a ‘n carnovale,
ce pare se la goda a nostre spese.

2010 Gloria Gerecht

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 9 di 16

 


 

 

 

Un cantiere di proposte condivise per
immaginare l'Esquilino del futuro
PARTECIPA ANCHE TU!

 

NOTIZIE DAL PD ROMA

  • Il Razzismo è un Luogo Comune
  • Il Razzismo è un Luogo Comune
  • Il Razzismo è un Luogo Comune
  • Il Razzismo è un Luogo Comune
  • Il Razzismo è un Luogo Comune
  • Il Razzismo è un Luogo Comune
  • Il Razzismo è un Luogo Comune
  • Il Razzismo è un Luogo Comune
  • Il Razzismo è un Luogo Comune
  • Il Razzismo è un Luogo Comune
  • Il Razzismo è un Luogo Comune
  • Il Razzismo è un Luogo Comune
  • Il Razzismo è un Luogo Comune
  • Il Razzismo è un Luogo Comune
  • Il Razzismo è un Luogo Comune
  • Il Razzismo è un Luogo Comune
  • Il Razzismo è un Luogo Comune
  • Il Razzismo è un Luogo Comune
  • Il Razzismo è un Luogo Comune
  • Il Razzismo è un Luogo Comune
  • Il Razzismo è un Luogo Comune

Abbiamo a cuore 3 cose...

Partito Democratico Circolo Esquilino

Partito Democratico Circolo Territoriale Esquilino

Via Galilei 57 (metro A Manzoni) -  email: pdesquilino@gmail.com

Partito Democratico - Federazione PD Lazio - Federazione PD Roma